Ultimi Articoli

Un’occasione fresca fresca da cogliere al volo per mettere a prova la vostra reale conoscenza dell’autismo, degli autistici e del loro mondo. La sfida è rivolta all’esercito di alunni italiani cosiddetti “normodotati” e arriva dall’Associazione salernitana Autismo Fuori dal Silenzio che ha indetto anche quest’anno il concorso “Autismo è…..” riservato a tutte le scuole italiane di ogni ordine e grado che potranno partecipare fino al 16 marzo.

 

 

Ci sono diversi passaggi, dalla ricerca del medico, agli strumenti diagnostici fino al colloquio con i genitori

Rachel Ehmke

 

La diagnosi di autismo comprende uno spettro di bambini con capacità e problemi diversi. Per questo può presentarsi in modo diverso da bambino a bambino. Molti esperti di autismo dicono che “se hai visto una persona autistica, hai visto soltanto una persona autistica”.

Le differenze nei disturbi dello spettro autistico rendono difficile una diagnosi corretta. Talvolta ai bambini autistici sono erroneamente attribuiti altri problemi, come l’ADHD, o sembra che non soffrano di alcun disturbo. Altre volte sono diagnosticati come autistici ragazzi che non lo sono realmente.

Per questo è importante sapere quali sono gli elementi di cui dovrà comporsi una diagnosi di autismo: Che tipo di informazioni dovrebbe considerare il dottore che sta valutando vostro figlio? Come si può sapere se il professionista sta seguendo la procedura migliore?

 

Problemi di comunicazione sociale

I disturbi della comunicazione sociale e dell’interazione sono spesso indicati come un possibile segno di autismo, fatto che genera confusione. “Ci sono tanti altri elementi che possono causare problemi di socialità” fa notare la dottoressa Susan Epstein, neuropsicologa del Child Mind Institute. “Possono essere scambiati per autismo alcuni disturbi specifici del linguaggio o altre patologie, soprattutto se presenti in gruppo: ADHD, disturbi specifici del linguaggio, depressione

Il concetto che abbiamo di noi stessi inizia a crearsi già dai primi mesi di vita, a partire dalle prime relazioni. Costruiamo, infatti, le prime percezioni di noi dal modo in cui gli altri ci percepiscono e dal modo in cui ci percepiamo nel rapporto con gli altri.

Un bambino che rappresenta se stesso come degno di amore e di importanza e gli altri come rispondenti ai suoi bisogni, da adulto si comporterà di conseguenza, sicuro di ricevere amore e supporto nelle relazioni.

Se c’è stata una cattiva sincronizzazione tra le risposte del bambino e del genitore,  il bambino può rappresentarsi come non degno di attenzioni e costruire un’immagine negativa di sé che successivamente tenderà a confermarsi nelle relazioni successive.

In questo modo se una persona si forma un concetto di sé negativo tenderà a confermarlo rimanendo intrappolato in un sistema che si autoalimenta, creando una serie di profezie che si autoavverano; questa è la base su cui si possono costruire problemi nelle relazioni, come le continue delusioni nelle storie d’amore.

Perchè accetto una condizione così denigrante ed invalidante per me?

Una relazione che fa soffrire, che distrugge, che porta alla sepoltura del proprio essere dovrebbe far riflettere tanto: che ci faccio con questa persona?

Cos’è l’amore?